L'arte è un grande vantaggio per i bambini con problemi di udito

Quando si tratta di situazioni particolari come quelle con determinati tipi di disabilità, la storia ci ha indiscutibilmente mostrato caratteristiche di rifiuto e una certa paura di fronte ai limiti che gli esseri umani vengono a vivere.

In caso di limitazioni dell'udito, queste diventano parte dell'elenco delle disabilità che, a causa di una situazione di ignoranza scientifica, le persone che soffrono di questa condizione sono state classificate come individui con limitazione cognitiva, e quindi, sono stati trattati assumendo che detta disabilità violasse le loro funzioni fondamentali di apprensione della conoscenza.

Un esempio di questo può essere trovato in America Latina, dove si pensava all'istruzione per i non udenti risaliva al secondo decennio del XX secolo, e ciò è dovuto al contributo delle comunità religiose, principalmente di origine francese, che si sono occupate di creare programmi educativi focalizzati su questo tipo di popolazione..

Per l'anno 1923 a Medellín per mano di Francisco Luis Hernández e per 1924 nella città di Bogotá attraverso l'Istituto di Nostra Signora della Sapienza. Ma non è stato fino a quando 1986 che questo tipo di programmi per l'educazione delle persone con problemi di udito è stato diffuso come tale.

Apart, i metodi applicati per l'istruzione erano inquadrati all'interno di un tradizionalismo non ortodosso, non essere appropriato per raggiungere un vero metodo di insegnamento, poiché un adattamento di una lingua dei segni non era consentito, ma, al contrario, era obbligatorio leggere le labbra come un modo per equiparare la parola alle persone senza che ci fosse qualche tipo di limitazione uditiva.

Solo dagli anni Ottanta, Fu allora che iniziarono cambiamenti davvero sostanziali e appropriati per questo tipo di popolazione; perché il Ministero della Pubblica Istruzione ha promosso un curriculum ufficiale con il quale si è cercato di contribuire allo sviluppo delle capacità comunicative con le quali una migliore integrazione dal punto di vista sociale, educazione e lavoro delle persone sorde in genere.

Arte e sordità

Se si tratta di abbattere le barriere, uno degli strumenti più vantaggiosi è fare uso delle arti, poiché con lui i limiti razziali possono essere sradicati, stereotipi e pregiudizi.

Quando si tratta di persone con problemi di udito, è un po 'difficile gestire stereotipi e pregiudizi, poiché hanno una disabilità che non può essere vista dagli altri, e l'incapacità di esprimersi e comunicare con la società in modo normale.

Uno dei progetti artistici ideale perché soddisfa questo obiettivo è il teatro, poiché è un luogo dove l'espressione diventa arte, dove la comunicazione è la chiave per un buon gioco.

Grazie al teatro le persone con disabilità uditiva hanno la possibilità di dimostrare di essere capaci di farlo e di esprimersi attraverso il teatro. Ed è che l'arte comunica, ma anche avvicina le persone offrendo la possibilità di comunicare con maggiore sensibilità.